Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Pomeriggio di poesie e letture al Circolo Aternino

| di Maria Luisa Abate
| Categoria: Associazioni | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

28 novembre quinto appuntamento al Circolo Aternino di Pescara per partecipare alla manifestazione Abruzzesi di ieri e di oggi tra Arte, Musica e Letteratura.

A presentare poeti e scrittori del pomeriggio Vittorina Castellano ideatrice e organizzatrice della manifestazione. Vittorina legge alcune sue poesie sul Natale scritte in dialetto e una in lingua italiana poesia che è stata anche musicata e cantata da un coro: Canto di Natale

Gabriele Di Camillo Ferri attore e scrittore ha declamato in dialetto Lu tempo la lingua, Pastori e Sangro scritta a cento anni dal terremoto di L’Aquila.

Lucio Vitullo ha letto una poesia scritta per la ricorrenza del 25 novembre giornata mondiale dedicata alla lotta contro la violenza sulle donne dal titolo: Voglia di giocare.

Presente in sala il gruppo folkloristico di danze abruzzesi Lecto in Folk e una sua componente ha letto una poesia di un autore di Lettomanoppello, Gustavo de Rentis Poeta ironico e preparato.

Come intervallo delle presentazioni, il gruppo di ballo ha allietato i presenti con danze e balli della tradizione popolare contadina.

Dopo il ballo folkloristico Ornella keller ha presentato il libro Tutto in un abbraccio per sempre di Lucio Vitullo che uscì nel marzo 2020 in piena pandemia.

Il libro è composto da 25 poesie e Lucio ha letto Miopia, Ai mercatini di Natale, Un cielo all'incontrario.

L'attrice Anna Donatella Passeri ha letto delle in dialetto di poesie di D'Annunzio.

Manola di Tullio che scrive Poesie brevi ha parlato della moglie di Dante Alighieri Gemma Donati sul destino della donna che muore per mano umana. E ancora una poesia brevissima ispirata dal disordine molecolare del vetro e al suo splendore e perfezione dedicata al figlio disordinatissimo.

Manola Di Tullio ha presentato Mother without a flag libro di Gabriele di Camillo Ferri in cui l’autore parla della migrazione. Di Camillo ha detto che ha scritto il racconto contro i pregiudizi verso i migranti. La prima parte del racconto è in lingua italiana mentre la seconda in inglese come ad intendere che è possibile leggerlo ovunque nel mondo dove esiste e persiste il fenomeno della migrazione. Il titolo in italiano Madre senza bandiera anche nella parte grafica della copertina intende comunicare che una donna durante la gravidanza non ha confini nel suo amore.

Altro libro Il Risveglio di Bruno l’autore descrive con minuzia la grotta in cui si trova e ne apprezza la fisicità e la bellezza e descrive i dialoghi naturali di un orso che si sveglia per un raggio di luce e incontra e parla con vari animali.

Dopo le letture delle poesie e la presentazione dei libri il gruppo folkloristico si è ancora esibito coinvolgendo nel ballo anche i presenti e chiudendo con allegria l’interessante pomeriggio culturale.

Maria Luisa Abate

Contatti

redazione@notssl-www.pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK