Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Online l'avviso pubblico per la gestione del Rampigna. Diodati: "Lo storico campo deve rinascere"

Condividi su:

Pubblicato stamane l'avviso pubblico per l'acquisizione doi manifestazioni di interesse finalizzata all'affidamento in uso temporaneo dell'impianto sportivo di proprietà comunale del Rampigna, come richiede il bando nel link che segue:

 

http://www.comune.pescara.it/files/concorsi_avvisi_all/337/AVVISO_PUBBLICO_rampigna.pdf

 

"Un avviso che nasce dalla necessità di restituire un campo storico alla fruibilità cittadina – afferma l'assessore allo Sport Giuliano Diodati - Siamo infatti convinti che il Rampigna debba tornare a vivere, essendo stati i primi ad impegnarci per riacquisire l'area dal precedente soggetto gestore che ce l'ha restituita da pochi mesi. Un interesse pressante quello di riaprirla alla fruibilità cittadina e al più presto, che in una prima fase ci ha portato a contattare diverse società e realtà sportive a cui guardiamo ora con grande ottimismo perché possano essere interessate alla gestione.

Questa è la situazione di partenza: l'impianto consta di un campo delle dimensioni 100x55, una tribuna per circa 700 spettatori, servizi e magazzini, spogliatoi atleti e giudici di gara, illuminazione e recinzione. L'avviso è rivolto a tutti i soggetti fra società, associazioni sportive dilettantistiche, enti di promozione sportiva, discipline sportive associate e Federazioni sportive nazionali che abbiano assolto agli obblighi di legge relativi alle procedure di gara.

L'obiettivo è quello di ridurre i costi di gestione a carico dell'Ente e agevolare la rinascita della struttura condividendone il percorso di apertura verso la città, soprattutto a vantaggio di una fascia di popolazione giovanile e per la pratica di discipline che storicamente ci appartengono, come ci appartiene lo spazio rimasto a lungo fermo a causa di costi di gestione che in questo momento non possiamo sostenere.

Da qui l'appello a quanti possono farsi portatori di un progetto di rilancio, perché il Rampigna conosca jnuovi fasti, senza dimenticare quelli di un tempo".

Condividi su:

Seguici su Facebook