Mercatino dei senegalesi, salta lo sgombero. Nuova sistemazione in via de Gasperi

| di Sara Gerardi
| Categoria: Attualità
STAMPA

Salta lo sgombero che era previsto questa mattina, alle 6. Questa mattina la giunta comunale ha annunciato nel corso di un incontro congiunto con la comunità senegalese, che verrà istituito un nuovo mercatino etnico in via De Gasperi, sempre in un’area ferroviaria data in concessione al Comune, nei pressi del cavalcavia.

"Conferenza unita e unitaria – dice il vice sindaco Enzo Del Vecchio a nome dell'Amministrazione - Gli effetti indotti dall'ordinanza di sgombero hanno innestato un processo che doveva e deve portare ad una riallocazione del mercato e a una forma di completa legalità su cui stiamo lavorando. Abbiamo fatto questo in due giornate, grazie alla disponibilità e alla collaborazione della comunità senegalese, degli uffici comunali e della struttura nel suo complesso e alla preziosa disponibilità di Prefettura e Questura, che nella serata di ieri hanno accolto l'istanza di rinviare l'esecuzione del provvedimento sindacale e questo all'esito del percorso che abbiamo ripreso con la comunità, i rappresentanti delle organizzazioni sociali e delle associazioni tutte che si sono impegnate per trovare una soluzione a tale problema.

 Con le forze dell'ordine e Prefettura abbiamo concordato che nell'arco di 30/60 giorni l'area sia disponibile sotto tutti gli aspetti per ospitare il mercatino multietnico. Un mercato che si può istituire solo con precisi passi normativi che la comunità conosce e che da ieri abbiamo messo in moto con la struttura competente.
L'area, oggi occupata in maniera impropria, avrà una funzione diversa anche corrispondendo alle finalità e necessità dell'ente proprietario RFI. L'area che abbiamo individuato per il mercato multietnico si trova nei pressi del cavalcavia di via De Gasperi, si tratta di un'area che abbiamo già in disponibilità, contenuta nel provvedimento del 2010 sottoscritto da Comune e Ferrovie. E' un area nota, in quanto, sulla stessa l'assessore al Commercio Giacomo Cuzzi, aveva già provveduto alla redazione di un'ipotesi progettuale da sottoporre ad un lavoro collettivo; ora stiamo operando perché tutto questo possa avvenire in tempi solleciti e perché l'ordinanza emessa venga attuata in modo pacifico e sereno."


"Collaborazione piena – aggiunge Patrick Guobadia della Cgil - Sono passati solo quattro giorni, mi sono commosso ieri perché si è risolta tutta la situazione e il rapporto di fratellanza costruito in tutti questi anni può continuare pacificamente. Oggi, dopo 30 anni, abbiamo finalmente cambiato pagina sul mercato multietnico nelle aree di risulta. Noi vogliamo agire per la legalità, responsabilizzeremo tutti al rispetto delle regole e delle leggi. Ringrazio di nuovo l'Amministrazione e tutti coloro che ci hanno aiutati, perché trovare una soluzione non era così facile e perché abbiamo superato questo braccio di ferro con tutti gli attori. Ora del mercato multietnico dobbiamo fare uso in maniera solidale, perché noi immigrati in Abruzzo siamo fieri di essere pescaresi, siamo integrati. Siamo qua perché siamo cittadini pescaresi. Finalmente abbiamo trovato la soluzione: la comunità senegalese è una comunità pacifica, concludo salutando l'assessore Giacomo Cuzzi con il quale siamo pronti a lavorare sui tavoli che serviranno ad andare avanti".

"Sono contento che si sia trovata una soluzione – dice Luna Mbaye, portavoce della comunità senegalese – Noi ci sentiamo pescaresi, le nostre famiglie sono cresciute a Pescara. Ora vogliamo andare sul concreto, siamo pronti a sedere a un tavolo per lavorare nel rispetto delle regole, c'è la massima disponibilità e anche la massima collaborazione".

 

Sara Gerardi

Contatti

redazione@notssl-www.pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK