Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

"La notte della Taranta" al Porto turistico

Condividi su:

"Notte della taranta" al Porto turistico di Pescara: un concerto tutto da ballare e da cantare con  un viaggio fra le regioni del Centro e del Sud Italia con la pizzica del Salento, la tarantella del Gargano in Puglia, quella napoletana con "Cicirinella" e la tarantella calabrese.

Stornelli romaneschi del Trastevere, serenate e canzoni d'amore sicule "strappa lacrime", la taranta di San Vito dei Normanni, la famosa tammurriata nera campana, canti della Basilicata e della tradizione della Sicilia e della Calabria, la canzone sui briganti, una favola in musica, la canzone scanzonata di "Tanto pè cantà" cantata da Nino Manfredi e  la canzone romana "Nannarella" cantata dalla  grande Gabriella Ferri: un ampio e spettacolare repertorio della musica popolare del Centro e del Sud Italia che ha coinvolto irrestistibilmente il pubblico che ha cantato con il gruppo di musicisti "Le tre meno un quarto" e  ballato con i ballerini "Le danze di Piazza Vittorio".

Provenienti dal Lazio, il gruppo di musicisti "Le tre meno un quarto" è costituito da Fabio Guandalini alla chitarra, da Antonio Merola ai tamburi, da Nicoletta Salvi al violino, accompagnati  da Silvano Boschin agli organetti che ha suonato anche la lira e lo strumento musicale di origine greca "bouzouki". Il gruppo di musicisti ha esperienze musicali disparate che vanno dal latin jazz al blues, alla musica balcanica e sudamericana ed a quella della tradizione araba.

Un concerto tutto da ballare così come è avvenuto con il pubblico che si è fatto travolgere dalla irresistibile energia dei ballerini: Loredana Terrezza, Fabiana Silvestro, Marianna Angelone ed Antonio D'Arpino. Spettacolare e teatrale interpretazione del repertorio popolare  del Centro e del Sud  Italia con il gruppo "Le danze di Piazza Vittorio" di Roma, nato nel 2011 per la passione per le danze popolari della nostra tradizione e per i balli di popoli lontani "per il piacere di suonare nelle piazze più multiculturali dell'Italia". Nel corso degli anni il gruppo ha aperto anche laboratori di danza e di attività musicali.

Foto Michele Raho

Condividi su:

Seguici su Facebook